TESTI DI LETTURA E STUDIO

MANUALE PDF: "Effetti collaterali dei farmaci? No grazie!"

Acquista il MANUALE: Effetti collaterali dei farmaci? NO grazie!

Accederai a consigli preziosi e li avrai sempre a portata di mano.

Prezzo 19,97 Euro

Scontato 9,97 Euro

Per acquistarlo clicca sul bottone acquista qua affianco

 

Leggi la recensione del blog GreenMe +

RECENSIONE (Effettuata dal blog GreenMe)

Leggendo le prime pagine di questo libro è impossibile non fare una vera e propria riflessione sulle proprie abitudini e sulla salute di ogni individuo.
Chi più e chi meno siamo tutti schiavi del farmaco. Che sia una patologia cronica o che sia un problema temporaneo ormai i medici sono propensi a dare subito delle terapie di medicina tradizionale, quindi chimiche.

Ormai siamo quasi tutti portati a non leggere i bugiardini, dove spesso sono maggiori gli effetti collaterali rispetto alle indicazioni.
Quindi tutti sulla via del cercare di guarire da una patologia senza pensare a cosa capita assumendo farmaci al nostro corpo. La dottoressa Elena Pontarollo cerca di far capire sin da subito come sia un circolo vizioso che porta a problemi molto gravi, il tutto è sempre correlato con prove e testimonianze.

Il ragionamento che ci invita a fare è quello della catena che inizia dal primo farmaco che assumiamo. Viene naturale pensare alle proprie esperienze o delle persone a noi più vicine, che prendendo una medicina per ad esempio un mal di testa, si trova ad avere un problema come una gastrite. Se ci rivolgiamo al nostro medico di fiducia, ci sono due tipi di reazioni, può infatti o cambiarci la terapia, aggiungendo così dei problemi, perché non esiste un farmaco senza controindicazioni, oppure può darci un'ulteriore terapia per far passare questo nuovo sintomo andando ad aumentare la tossicità dell’organismo.

Si apre una catena che può portare il paziente a patologie molto gravi, se prendete infatti un farmaco qualunque e leggete gli effetti collaterali troverete molte patologie che sono anche peggio di quella che si cerca di curare.
La cosa migliore di questo libro è che viene data un'alternativa a tutto questo, e proprio grazie alla dottoressa Pontarollo possiamo provare a non cadere in questo circolo vizioso degli effetti collaterali.

Prima di iniziare a spiegare in cosa consiste effettivamente il metodo, la farmacista ha voluto anche raccontare le sue esperienze personali, per poter così far capire a tutti i lettori che non è un metodo senza fondamento, ma è stato testato da lei e da molti suoi clienti dopo.

La dottoressa nasce in una famiglia dove sono tante le patologie con cui convive, inizia così ad avere una sorta di paura delle malattie, che in età adulta riuscirà a debellare proprio diventando una farmacista.
Da piccola Elena vede la sua mamma combattere con una malattia psichiatrica, anche se dichiara di non aver capito bene di cosa si trattasse, ai bambini infatti si cerca sempre di evitare la conoscenza delle malattie. Solo crescendo ha capito che molti disturbi che la madre aveva erano comunque trattabili e debellabili tramite medicine alternative.

Un'altra esperienza ha con il tempo aiutato a ragionare la dottoressa, quando era

 

 

 

piccola lo zio che aveva subito un grave infarto. Per i medici non aveva oltre un anno di vita, ma lui con molta diligenza ha iniziato una vita regolare, ogni giorno faceva lunghe camminate, aveva perso ben 30 chilogrammi e non sgarrava mai dalle cure e dai consigli dei medici. A dispetto di ogni previsione medica lo zio è vissuto per ben dodici anni, anche se alla terapia spesso doveva affiancare altri farmaci proprio per cercare di evitare molti problemi dati dagli effetti collaterali della cura.

Alla luce di queste esperienze la dottoressa ha iniziato a studiare, ma da subito ha compreso che all'università erano per primi i professori a non dare alternative valide ai farmaci e per la maggior parte delle volte cercavano di elogiare tutti i pregi delle terapie, tralasciando le controindicazioni ed i possibili effetti collaterali. Ma non era ancora un suo pensiero fisso, solo dopo la laurea ha avuto il primo approccio con la medicina alternativa, infatti una sua amica le aveva dato un prodotto omeopatico per una puntura d'insetto. La dottoressa aveva sentito parlare di omeopatia e fitoterapia ma ne era scettica, mentre vedendo che l'effetto era comunque immediato come una medicina, ma non vi erano effetti collaterali ha cominciato, sia grazie alle sue conoscenze mediche e il valido aiuto di persone del settore specifico, a studiare a fondo quest'alternativa agli effetti collaterali.

Sin dalla prima riga della sola prefazione mi sono messa a pensare alla mia famiglia ed a tutti i veri problemi che possono causare le medicine, ho pensato alla mia nonna, ha iniziato anni fa con una terapia per la pressione alta, che col tempo le ha portato problemi di gastrite, per la quale il medico le ha prescritto un'altro farmaco, in questo caso un gastroprotettore, che però le ha portato dei problemi di ritenzione idrica, ed anche per questo il suo dottore ha prescritto un'altra pastiglia, in sunto oggi ha 85 anni e prende una quantità industriale di medicine, che sono parte di questo strano ciclo di cause effetto.

Visto da questo punto non avevo mai valutato la situazione, ho sempre pensato come la maggior parte della gente che il medico aiutasse a gestire al meglio i problemi di salute, così da pensare al paziente come ad una persona da tutelare ed aiutare.
Ma questo libro ti apre un mondo alternativo, uno di quelli che ci pensi un attimo e dici: cavolo è proprio così, tutto torna, ogni parola della dottoressa ti fanno riaffiorare ricordi e pensieri che non avevi mai valutato dal punto di vista della farmacista.

Anche sulla mia pelle ho visto come siano invasivi alcuni farmaci, come ad esempio il cortisone, certo ha risolto il problema che avevo, ma mi ha portato molteplici problemi che mi hanno costretta ad assumere altri farmaci ed altre terapie, come ad esempio la candida, la febbre ed il raffreddore, curando questo problema ho avuto anche un'inizio di gastrite che per fortuna con un periodo breve di terapia con un gastroprotettore è scomparso, e nel giro di qualche mese sono riuscita a spezzare la catena che era iniziata.

Ma in ogni terapia subita non mi era mai venuto in mente che potesse esserci un'alternativa valida, forse proprio perché nessuno dei medici mi ha dato questo input. In ospedali o similari in Italia nessuno ci da alternative alla medicina tradizionale, anzi
le persone che chiedono ai dottori di avvicinarsi a queste nuove terapie vengono smorzati nell'entusiasmo spesso proprio dicendo che queste cure non hanno efficacia comprovata o che comunque sono lenti per quanto riguarda i risultati.
La nostra nazione purtroppo è vittima delle lobby delle case farmaceutiche. Ci vengono nascoste molte cose, comprese le morti di persone che vengono a mancare a causa di terapie tradizionali. Ci sono alcune statistiche che a noi sono nascoste, ma che per fortuna persone come la dottoressa Pontarollo mettono in evidenza.

Purtroppo tutto gira intorno all'economia, volente o nolente è sempre questione di guadagno, anche quello sulla nostra pelle.
Nessuno dice in canali come ad esempio i media, che per l'organizzazione sanitaria mondiale negli stati uniti la quarta causa di morte dello stato sia proprio per gli effetti collaterali dei farmaci, ed anche in Italia sono milioni le morti causate da questo.

Non esiste farmaco che non abbia dei problemi correlati, e questo è proprio il fine di questo libro. La dottoressa vuole che ci mettiamo a riflettere su questo. Dobbiamo pensare, anzi a dirla tutta solo immaginare. perché il giro di denaro è immenso, quanto perderebbero le industrie farmaceutiche se tutti pensassimo che dobbiamo ovviare agli effetti collaterali con metodi alternativi.

La natura ci ha dato delle valide alternative alle medicine tradizionali, ma non vengono pubblicizzate, perché le persone non arricchirebbero il mercato del farmaco. Però tutti siamo abituati a rivolgerci al medico di fiducia e a non mettere mai in dubbio le sue scelte, sempre perché siamo abituati a pensare che la sua conoscenza medica non si debba mai mettere in dubbio, sono poche le persone che provano a disquisire con il medico su come possono alterare la nostra salute le medicine che ci vengono propinate.

Nella credenza popolare il medico è colui che pensa alla nostra salute proprio dandoci dei farmaci. Una cosa che mi è subito venuta in mente pensando ai medici ed alle industrie farmaceutiche è una delle cose che mi sono venute in evidenza leggendo le prime pagine del libro, avete mai fatto caso negli studi medici quanti sono i presenti che troviamo delle industrie nello studio medico.

E quando siamo in attesa per parlare col dottore, nella sala troviamo spesso dei rappresentanti di farmaci. Quello che penso è: se dovesse essere un prodotto solo per la nostra salute, non sarebbe necessaria la pubblicità per venderlo, ma non ci dovrebbe esser concorrenza, un prodotto unico per aiutare la salute del paziente, mentre nella realtà sono tanti i farmaci per curare una sola patologia, così tutto si complica.

Certo sono tutti ragionamenti che ho fatto personalmente leggendo questo libro, ma credo che a tutti sia impossibile riflettere, perché ti si apre letteralmente un mondo di ragionamenti, si comprende che spesso nella nostra vita normale siamo portati a non pensare se ci sono delle conseguenze per le cose che facciamo, e proprio per un argomento importante come la nostra salute dovrebbe essere la prima cosa da fare. Anche leggere l'esperienza personale della dottoressa mi ha fatto capire che è una
teoria molto valida, si dice che se una persona prova sulla propria pelle qualcosa è proprio perché ci crede.
Crederci non basta, anche gli studi della dottoressa le hanno dato la possibilità di approfondire l'argomento. In università non danno alternative ma insegnano a vedere gli effetti collaterali come possibili ulteriori malattie.

Ho quindi trovato in questo libro uno stimolo a riflettere su quanto viene fatto dalle case farmaceutiche, su quanto poco conti alle persone di queste industrie della reale salute delle persone, sono infatti più interessati al mero denaro rispetto al vero obbiettivo che dovrebbero avere, quello di far guarire le persone studiando delle terapie che non creino ulteriori problemi.

Anche leggere le varie testimonianze delle persone che hanno provato il metodo della dottoressa è un incoraggiamento ad andare avanti con la lettura, ti appassiona proprio vedere con che entusiasmo le persone descrivono i vantaggi della loro prova. Sono tutti esempi di come sia efficace questo metodo non solo su una sola patologia, perché infatti ogni persona ha un problema differente, per la quale era in cura con la medicina tradizionale, che però le creava dei problemi. Iniziando la terapia omeopatica o fitoterapica le persone hanno tutte dichiarato di aver avuto dei giovamenti, quindi tutto questo porta le persone ad avere maggior voglia di provare questo tipo di percorso.

Nel proseguire a leggere, la dottoressa ha iniziato a parlare di quali potrebbero essere le difficoltà per le persone che decidono di provare questo percorso, in primis sicuramente la difficoltà a trovare persone che siano competenti in materia.
Purtroppo sono molte le persone che si improvvisano omeopati e naturopati, senza avere le giuste competenze, il risultato è sicuramente di non riuscire ad avere il giusto vantaggio da queste terapie e di ributtarsi nella medicina tradizionale.

I medici non hanno le competenze e non trovano che il problema sia da ritenere tale, perché nelle università ricordiamo che non viene assolutamente pensato come problema quello degli effetti collaterali, ma normale amministrazione. Quindi esclusi medici e alchimisti è quindi difficile trovare dei professionisti, e questi poi hanno comunque un costo che non tutti i malati possono permettersi.

Ci addentriamo quindi in un altro scoglio per questo progetto, perché tutte le persone he decidono di seguire il programma deve aver bene a mente che non ci sarà visita o medicamento che l'Azienda sanitaria metta a disposizione, non ci sono sovvenzioni e non per la sola medicina tradizionale.

E purtroppo i costi delle terapie sono elevate. Viene infatti sottolineato dalla dottoressa che uno dei problemi più grandi è proprio quello del costo. Purtroppo anche la farmacista non ha trovato alternative a questo problema, anche se tiene a sottolineare quanto sia ingiusto, si dovrebbe dare ad ogni paziente che paga già un servizio sanitario la libertà di decidere con che tipo di terapie curarsi, resterebbero così persone che continuerebbero a dare fiducia al proprio medico ed alla medicina tradizionale, mentre le persone che decidono di provare strade alternative per curarsi
avrebbero la libertà di farlo in autonomia e senza dover sostenere delle spese esorbitanti.
Certo il costo è sempre in relazione al tipo di patologia, purtroppo la dottoressa ha anche posto questo problema che si deve ben ponderare, un’ influenza ha un tipo di cura con il suo costo ed una durata limitata nel tempo, mentre per patologie più gravi il tempo è molto più lungo e le spese maggiori. Quindi purtroppo si deve dire che non tutte le persone sono in grado di fare tutte le terapie che occorrono per guarire completamente e senza avere strascichi di effetti collaterali.

Un altro problema che si pone è che il farmaco crea dipendenza. sì, proprio così, si deve fare molta attenzione perché non tutte le terapie possono esser fermate senza un periodo di transizione che dev'essere seguito da un medico competente.
Non si deve in assoluto iniziare a fare delle terapie senza avere le dritte di persone competenti, in questo libro infatti viene data un'infarinatura sul metodo e su tutto quello che potrebbe essere fatto, ma la dottoressa tiene a sottolineare pur essendo una guida con la quale è possibile iniziare da soli la terapia, perché un professionista sa anche le quantità di prodotto da somministrare, il tipo di integratore o comunque di rimedio a seconda di ogni piccola sfaccettatura del problema da trattare, è necessario controllare i parametri del proprio stato di salute con l’aiuto di un medico.

La guida infatti è stata scritta dalla dottoressa con uno dei più nobili degli intenti, quello di smuovere le coscienze, per poter così poi provare ad approfondire l'argomento. Pensando anche alle proprie patologie ed alla strada giusta per estirpare il problema, proprio così, estirpare, perché con un rimedio naturale si riesce in molti casi a riequilibrare la parte del corpo che non funziona regolarmente, ma poi è possibile fermare il problema e non prendere cure per tutta la vita, come invece capita nella maggior parte dei casi quando ci si affida alla medicina tradizionale.

La dottoressa si prende anche il compito di dare al lettore un'attenta catalogazione di tutti gli effetti collaterali in base al tipo di patologia. Quindi potrete anche valutare in base alle vostre problematiche che tipo di problemi potrebbero venire, o addirittura che ci sono già. Sono certa che molte persone, leggendo il capitolo dove vengono esposti tutti i problemi possibili per l'assunzione di terapie delle principali patologia, troveranno che è reale il problema, perché magari siamo convinti di soffrire di piccole patologie, che spesso trascuriamo, e poi scoprire che la causa è una pastiglia per curare altri problemi. Facciamo un esempio pratico per ben capire cosa vuole dirci la dottoressa. Leggendo il capitolo che la farmacista ha dedicato all'elenco patologie ed effetti collaterali possiamo capire che per curare un semplice mal di testa stiamo prendendo anti dolorifici che però ci stanno creando dei problemi allo stomaco, creando bruciore e gonfiore che non riusciamo a far passare, infatti non passa perché non abbiamo capito quale sia realmente la causa. Già proprio così abbiamo capito che se non sappiamo la causa è difficile curare senza ritornare nel limbo del farmaco - effetto collaterale.

Un altro piccolo capitoletto è dedicato invece al perché si fa, cioè per tutte le note
positive di questa cura. E' proprio vero che le persone che non hanno ancora abbandonato la lettura è perché hanno aperto gli occhi su molti argomenti e soprattutto perché sapranno valutare attentamente quella che è la situazione della sanità attualmente. Infatti la dottoressa mette tra le cose positive del leggere questa guida proprio l'aver compreso cosa possono fare le industrie farmaceutiche e le varie lobby della sanità, quindi che han deciso di non diventare delle vittime e delle pedine che il governo manipola a suo piacimento. Attenzione perché cascare in questi problemi è davvero semplice, basta iniziare una qualsiasi cura. Si comincia con un qualsiasi antidolorifico o antinfiammatorio, e se purtroppo si è in un periodo in cui non risponde bene il fisico inizia quel fatidico circolo vizioso di cui si parlava in precedenza. Quindi la nota positiva è una sola ma ne vale mille, è quella di preservare la propria salute senza darla in pasto ai famelici effetti collaterali. Subito dopo l'autrice spiega con molta attenzione cosa sono la fitoterapia ed anche l'omeopatia, cercando così di debellare le dicerie che vengono dette contro queste due terapie.

Iniziamo a parlare della fitoterapia, che per chi non lo sapesse sfrutta esclusivamente le proprietà delle piante, naturalmente prendendo per ognuna la parte con la più alta concentrazione di principi attivi, quindi è possibile trovarsi a dover assumere radici, foglie o fiori ad esempio. Non essendo più all'epoca della pietra non preoccupatevi, non dovrete mangiare radici o cose simili, ma in commercio esistono degli integratori in pastiglie o in polveri che si possono prendere in differenti modi, o in tisane, in cataplasmi o deglutire nel caso delle pastiglie.

Parlando dunque del libro, la dottoressa nei capitoli che parlano delle cure nello specifico ci aiuta anche a comprendere come possono essere più utili i principi attivi, dandoci la possibilità di andare in erboristerie o farmacie con le idee già ben chiare di quello che dobbiamo chiedere. Oppure di andare da un naturopata con un'infarinatura di quello che abbiamo bisogno, questo libro infatti ci può aiutare a capire se le persone con cui stiamo parlando sono competenti o meno. La cultura ci rende meno vittime di ogni sorta di torto, ed anche di truffe, perché se non sappiamo niente in materia chiunque può farci cadere in tranelli, mentre grazie a questo libro le conoscenze di base le avremo tutte.

Tornando alla fitoterapia, come dicevamo esistono, nelle erboristerie e nelle farmacie più fornite, dei preparati e non è quindi necessario, anzi, addirittura sconsigliato il fai da te. Non si deve provare a far da sé per molti motivi, per primo
perché non si ha un'idea delle dosi giuste che possono servire per la terapia, poi non si ha neanche la capacità di trattare nel modo corretto le piante, quindi anche l'autrice sconsiglia caldamente di evitare ogni sorta di fai da te. La fitoterapia nonostante molti credano poco nella sua efficacia è uno dei metodi migliori per combattere le principali patologie, perché unisce le proprietà delle piante al fatto che la natura ci è sempre stata d'aiuto fin dai tempi antichi. Nel libro però la dottoressa specifica anche dei casi in cui la fitoterapia non può essere applicata, mette in risalto tutti gli esempi di tutte le persone che la devono evitare, delle patologie che non è possibile trattare, e dunque
se si è tra quelle persone è necessario rivolgersi ad uno specialista, in primis per appurare se i propri sospetti sono fondati, e poi per vedere se esistono altri metodi alternativi per ovviare al problema e non rientrare tra le persone che si affidano alla medicina tradizionale. Così per non ricominciare il circolo vizioso degli effetti collaterali si può anche provare con l'omeopatia. Una branca della medicina alternativa che comprende dei prodotti atti a stimolare il nostro corpo a produrre tutte le cose che servono per farci guarire, proprio così, questo tipo di medicina si basa sulla teoria che il nostro corpo è in grado di produrre tutte le sostanze necessarie per combattere ogni tipo di patologia. Un metodo davvero unico per guarire, utilizzando le potenzialità del nostro corpo.

Può sembrare una teoria strana, ma sappiate che è ben fondata ed ha delle teorie molto ben distinte.
Inoltre tra tutte le proprietà la dottoressa sottolinea anche quanto sia importante anche per le donne in gravidanza, le future mamme devono evitare il più possibile l'assunzione di fitoterapia e medicine tradizionali, proprio perché lo trasmetterebbero al feto, mentre l'omeopatia è completamente naturale e non esiste la possibilità che il bambino possa assorbire delle sostanze dannose, i rimedi sono diretti al corpo della mamma e permettono allo stesso di risolvere le patologie.

Le cose che maggiormente cerca di far comprendere la dottoressa nel libro sono proprio le differenze sostanziali tra quello che si rischia prendendo delle medicine tradizionali rispetto a quelle alternative.
Nel libro poi la dottoressa divide le varie patologie, prende differenti problemi e le relative cure, con le possibili catene che si possono manifestare per colpa degli effetti collaterali.

I consigli mirati la dottoressa li da ad esempio per una patologia come antiacidi,cortisonici, antipiretici e molto altro ancora.
Ogni tipo di farmaco viene preso in esame dalla dottoressa in modo approfondito, sia con i suoi lati positivi che negativo, perché non è una denuncia quella che vuole mettere in atto la farmacista, ma vuole far smuovere le coscienze, che non è l'unico metodo per guarire la medicina tradizionale.

Chi consulta questa guida ha comunque un suo cervello e quindi un'idea, l'autrice non obbliga in assoluto nessuno a cambiare il proprio metodo per curarsi, infatti spesso tiene a precisare che anche nella sua farmacia sono tante le persone che per paura o per poca conoscenza non vogliono avvicinarsi alla sua teoria, ma non per questo per lei sono differenti dagli altri pazienti da assistere. Per chi decide di provare il suo metodo cerca di dare tutte le possibili vie per non aver nessun tipo di problema.

Nel libro è possibile trovare tutte le dritte ma viene sempre chiesto dall'autrice di non partire in pompa magna senza chiedere a persone che hanno le basi giuste per consigliare il miglior percorso terapeutico.
Inoltre la dottoressa nelle ultime pagine del libro spiega in ogni particolare come far si che il suo metodo funzioni bene, quindi se siete curiosi di capire come fare il vostro
percorso potete leggere subito la parte che riguarda i medicinali che assumete di norma voi per le vostre patologie, ma poi non dimenticate di andare a leggere le ultime pagine della guida. Perché proprio al fondo ci sono i consigli per lo start up e come fare per togliere anche la medicina tradizionale, il tutto va fatto a piccole dosi, non si cambia da un giorno all'altro, o il nostro corpo non avrebbe una reazione positiva. Quindi il consiglio che mi sento di dare a chi si avvicina a questo fantastico libro di leggerlo tutto, ma non con superficialità, tornate un po' come a scuola, prendete una matita, sottolineate le parti che parlano del vostro caso, spuntate tutti i consigli che pensate possano venirvi utili. A questo punto almeno avrete la possibilità di consultare velocemente quello che più vi interessa e in qualsiasi situazione trovare velocemente il passaggio della guida che vi occorre.

Parlando del mio personale parere, già dalla prima riga ho trovato interessante questo manuale, che sembra scritto proprio con l'intenzione di aprire gli occhi alle persone, i miei si sono spalancati, ho cominciato a pensare a cose che ho sempre dato per scontato e che non ho mai valutato se non dal lato che tutti mi hanno sempre fatto vedere, volete dirmi che avete pensato che la storia degli effetti collaterali erano correlati alle industrie farmaceutiche, che tutto questo è mosso dal mero denaro? No io ho sempre pensato agli effetti indesiderati come a cose messe sui bugiardini giusto perché qualcuno potrebbe soffrirne. Grazie a questo libro si riesce anche a fare un ragionamento più personale, si inizia a capire come il proprio corpo può essere in pericolo, ma che allo stesso tempo è possibile con pochi accorgimenti averne maggior cura.

Valutando anche lo stile di questo libro, non si tratta di un manuale troppo difficile da comprendere, è molto confidenziale, questo permette a chiunque di comprendere il messaggio della dottoressa, non ci sono termini tecnici incomprensibili.
Chi inizia a leggere si sente coinvolto, l'autrice cerca sempre di interagire, raccontando spesso parti della sua vita, questo porta fiducia in chi legge, perché la farmacista mette le sue esperienze a disposizione di chi legge il manuale. Già dal titolo è possibile comprendere il fine di questo libro, cioè quello di imparare a gestire gli effetti collaterali dei medicinali, anche se non si comprende subito come, ma appena si apre il libro, già solo dalla prefazione si comprende come poter raggiungere l'obbiettivo, perché senza molti giri di parole l'autrice spiega quali sono i mezzi da utilizzare per migliorare il proprio stato di salute.

Un manuale molto consigliato a tutti, perché a chiunque può capitare di ammalarsi, anche non in modo grave, e quindi di aver bisogno di cure, a quel punto è possibile scegliere i metodi per guarire, e anche chi invece è già sotto terapie per poter vedere senza coperture le varie soluzioni che si possono prendere, le famose alternative alla medicina tradizionale.

Acquista

Recensione

LIBRO: "Viaggio di ritorno verso la salute: STRATEGIE PER UNA SALUTE VINCENTE"

LIBRO: VIAGGIO DI RITORNO VERSO LA SALUTE: STRATEGIE PER UNA SALUTE VINCENTE

L’obbiettivo di questo libro è quello di accompagnarti in un percorso formativo consapevole di qualità, per imparare a curarti in modo sano ed etico per la salute del tuo corpo, della tua mente e del tuo spirito.

PUNTO 1: Impara a ridurre, minimizzare ed eliminare gli effetti collaterali e la tossicità dei farmaci (quando è necessario assumerli).

PUNTO 2: Impara ad evitare i farmaci, quando possibile, attraverso rimedi naturali.

PUNTO 3: Scopri le cause vere dei tuoi mali. Riconosci il conflitto mente-corpo che ti ha provocato la malattia. Ricorda: “Mens sana in corpore sano”.

PUNTO 4: Lavora su te stesso con metodi innovativi, veloci ed efficaci per risolvere il conflitto e guarire definitivamente dalla malattia. Decidi di intraprendere un viaggio senza ritorno verso la salute.

Non mi resta che augurarti BUON VIAGGIO!

ACQUISTALO direttamente su AMAZON cliccando qui:

Acquista

Recensione